23 agosto 2016

PROGRAMMA 2016

bolina fest lungoVENERDÌ 23/9:

ore 16.30 – Apertura e presentazione del festival

ore 17.00 – Tavola rotonda New Journalism:
Al giorno d’oggi siamo tutt* completamente (o quasi) connessi alla rete e questo ci permette di rimanere aggiornati su quanto accade nel mondo. Le fonti sono innumerevoli e altrettanto numerose sono le modalità con cui queste informazioni vengono pubblicate. Cosa vuol dire oggi fare giornalismo? Come destreggiarsi tra la mole di informazioni e le possibilità presenti nel digitale e nella rete?

ne parleremo con:
Giuliano Santoro (giornalista)
Leonardo Bianchi (giornalista VICE)
Claudio Calia (fumettista)
DinamoPress (Roma)
SMK Videofactory (Bologna)
Il Barrito (Padova)

ore 19.00 – Presentazione/proiezione: The Harvest: Storie di un nuovo capolarato agricolo in italia
The Harvest si propone di affrontare la questione attraverso una lente innovativa che coniuga lo stile del documentario con quello del musical, utilizzato come espediente narrativo per raccontare la complessità del lavoro nei campi e l’utilizzo di sostanze dopanti. Attraverso una ricerca musicale e cinematografica il film vuole far emergere una condizione che sarebbe altrimenti difficile da portare all’attenzione del pubblico senza essere retorici o didascalici.

ore 21.30 – Serata musicale: Ars Nova Napoli
Dalle pizziche pugliesi alle serenate siciliane, dai classici napoletani alle tarantelle calabresi, affacciandosi anche al resto del mediterraneo con il rebetiko greco e la musica balcanica

 

SABATO 24/9:

ore 11.00 – workshop: Non solo SIAE
workshop su licenze e distribuzioni alternative a cura di “DDB – Distribuzioni Dal Basso

ore 17.00 – Tavola rotonda: Underground, spazi e cultura d’opposizione
Sempre più la cultura è considerata come una qualsiasi merce, un prodotto che deve vendere, punto. Crediamo che il valore della cultura non si possa misurare sul suo valore economico, ma sul valore sociale, artistico e umano che crea. Nel nostro paese da decenni esistono spazi, pratiche, esperimenti che dal basso costruiscono e danno spazio a diverse forme di cultura indipendente e d’opposizione, spesso riuscendo a sconfinare dalle sue nicchie per contaminare il manistream. Crediamo fondamentale ripercorrere le tappe di queste pratiche e confrontarci con i soggetti che le portano avanti. E rivendicare ancora una volta l’importanza di pratiche cultuali autonome e indipendenti.

ne parleremo con:
Marc Tibaldi (Agenzia X, Re/Search Milano)
Valerio Mattioli (giornalista)
Borda Fest (Lucca)
Crack! – Fumetti dirompenti (Forte Prenestino, Roma)
FAC – Fusion Art Center (Padova)

ore 19.00 – Reading: “Fortopia: Storie d’amore e d’autogestione
Il libro dei 30 anni di occupazione e autogestione del Forte Prenestino, laboratorio culturale che ha fatto la storia dell’underground e della cultura indipendente in Italia.

ore 21.30 – Serata musicale: GmG and the Beta Project
Una somma di tutte le differenti ispirazioni dei suoi polistrumentisti, tanto strumentalmente quanto stilisticamente: il reggae sparirà in un funk tutto da ballare, il rock incontrerà il folk dei bassifondi, il rap si perderà nei meandri di melodie asiatiche.

 

bolina fest giallo

DOMENICA 25/9:

ore 11.00 – workshop: scrittura collettiva
Laboratorio di scrittura collettiva con il metodo SIC (Scrittura Industriale Collettiva), a cura di Dimitri Chimenti

ore 17.00 – Tavola rotonda Esperimenti narrativi
Viviamo vite che sono un insieme complesso e spesso caotico di scelte, fatte e subite, di bisogni e desideri. Così come la vita è sempre più fluida, precaria e mutevole, anche le esperienze che la raccontano rispecchiano questa sempre maggiore complessità. Pratiche narrative collettive, ibride, indipendenti stanno emergendo sempre più potentemente rompendo gli schemi narrativi classici. In questa tavola rotonda vorremo analizzare diversi esperimenti che, dal basso, hanno saputo raccontare e raccontarsi in forma nuova.

ne parleremo con:
Luigi Chiarella (autore di “Diario di zona”, collana QuintoTipo)
Antar Marincola Mohamed (Resistenze in Cirenaica)
MAZ Project

ore 19.00 – Presentazione di #RazzaMigrante a cura di MAZ
Progetto di narrazione collettiva sulle migrazioni contemporanee

ore 21.30 – Performance: Il fiore inverso a cura di Lello Voce, musiche di Frank Memola

 

 

 

“Iniziativa finanziata con il contributo dell’Università di Padova sui fondi della Legge 3.8.1985 n. 429”